EvidenzaItalia e Mondo

Quanti utenti veri, reali, ha Facebook? Domanda non banale

Prendo spunto da un bell’articolo di Federico Guerrini per La Stampa, che illustra il panorama della pubblicità su Facebook chiedendosi se funziona davvero e sostenendo la tesi con un’inchiesta della BBC sul tema. In buona sostanza si ripropone il tema dei fake followers, ossia di tutti quei fan che affollano alcuni widget di Facebook con decine di migliaia, se non di più, di fan.

Cita Federico sul quotidiano le parole di Graham Cluley, consulente di Sophos delle cui argomentazioni spesso le cronache si nutrono: «Alcuni di questi account – ha spiegato Cluley alla BBC – sono gestiti da dei programmi per computer. Un singolo individuo può fungere da burattinaio di migliaia di profili, spingendoli a cliccare “mi piace” sul maggior numero possibile di pagine, in modo da creare delle vaste community».

Bene, ottimo. A questo punto comincio a chiedermi quanta parte dell’impero di Facebook sia, in realtà, un castello di carta. Eh si, perché proprio in occasione della recente partnership tra Facebook e NBC, volta a socializzare con gli strumenti del sito blu le trasmissioni olimpiche, il celebre social network ha dichiarato di essere a quota 900 milioni di utenti.

L’articolo di Federico illustra altre testimonianze che confermano l’esistenza di questi meccanismi ingannevoli, dai quali si rastrellano fan di ben poco valore in quanto utili solo per far salire il benedetto “contatore”, che tanto sta a cuore ai cervelli meno illuminati.

Social Media Fanatics
Social Media Fanatics

Ciò non toglie, però, che ogni “mi piace” finto corrisponde a un’utenza Facebook, creata o meno da programmi automatizzati. Facebook non spiega e non chiarisce quante di queste utenze individua, quante ne annulla e se la conta degli utenti venga svolta attraverso un opportuno processo di depurazione da tali utenze spurie. Non so perché, ma il meccanismo mi ricorda molto il conteggio gonfiato delle SIM Card operato da TIM, di cui recentemente la cronaca è tornata a occuparsi. Che ha prodotto sanzioni risibili, se confrontate al fatturato, come già più volte abbiamo appreso.

Mi sbaglio?

Commenti Facebook
Tag

Marco Valerio Principato

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.

Contenuti correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*