Stampa post Stampa post
Home » Idee e pensieri
Cambia categoria:

Categorie


«Bolle» varie: pian piano i nodi stanno venendo al pettine…

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
11 giugno 2015 - 11:30 | Commenti 0 | Link breve

In netta controtendenza rispetto ai «dettami moderni» del social marketing, rilevo un certo feedback negli strumenti di comunicazione diretti, senza intermediari. Qualche riflessione.


Sembrerà incredibile, ma se fatta onestamente, funziona ancora benissimo.
Sembrerà incredibile, ma se fatta onestamente, funziona ancora benissimo.

Non è da oggi che preconizzo lo scoppio di «bolle». Che quella del Web sia già abbondantemente scoppiata è evidente: lo prova tutto il putiferio sollevato – in gran parte a sproposito e inutilmente – dall’uscita della cosiddetta Cookie Law. Quella social, con particolare riguardo a Facebook, la sospetto da parecchio ma, se continua così, ho tanto l’impressione che i tempi si abbrevieranno.

Perché dico questo? Semplicissimo.

Io parto da un presupposto “cautelare”: quello di non essere nessuno, di avere scarsa rilevanza, di non contare niente, per dirla in modo ancor più colloquiale. All’apparenza – e solo all’apparenza – quel che sembra contare ancor oggi è il giochino da ragazzini: fare a chi ce l’ha più lungo, riferendosi, in questo caso, al contatore dei mi piace o dei retweet o dei favorited tweets o simili.

Ebbene, almeno riguardo a quei contatori, io ce l’ho piccolo e me ne vanto. Facciamo a chi dura di più? Qui la vedo più dura.

Allora, ribadito che non conto niente, mi chiedo: come mai – lentamente ma inesorabilmente – ogni quattro-cinque giorni il plugin di gestione della newsletter mi avvisa di aver registrato un’altra iscrizione (sia qui che sul New Blog Times)? Questo pur lento, pur graduale, ma concreto aumento del seguito “diretto”, senza intermediari, è un segnale preciso, che dimostra una certa “saturazione” della pazienza delle persone e il desiderio di avere, nei rapporti tra persone sul Web, meno ficcanasi e meno intermediari tra i piedi.

Per carità, sono anni luce distante da quelle realtà che si vantano, anche lì, di avere 5mila, 10mila iscritti e passa alle proprie newsletter.

Sono mesi che tentano di prendermi per stanchezza e chiamano da numero privato, tutti i giorni o quasi. Non hanno ancora capito che neanche mi suona.

Sono mesi che tentano di prendermi per stanchezza e chiamano da numero privato, tutti i giorni o quasi. Non hanno ancora capito che neanche mi suona.

Non mi interessa, perché ho dei principi etici e morali ben saldi e per me le realtà come quella denunciata qualche giorno fa da Dario Bonacina, che senza alcuno scrupolo commerciano 14 milioni di numeri di cellulare (tra i quali deve esserci finito anche il mio, con ben scarso successo per chi prova a usarlo, vedi immagine), indirizzi email e quant’altro, semplicemente non esistono.

Il Registro delle Opposizioni? Avevo e avevamo, con tutta la Redazione del New Blog Times, perplessità fin dall’inizio, poi confermate dall’allora garante privacy e tutt’ora, a mio parere, perfettamente inutile.

Preferisco un solo mi piace su Facebook al mese, ma spontaneo. Preferisco un solo retweet o un tweet favorito al mese, ma spontaneo.

E come ho già detto molte volte, se Mark Zuckerberg (AD di Facebook) e/o Evan Williams (AD di Twitter) e/o Jeff Weiner (AD di LinkedIn) e/o Larry Page (AD di Google) faranno in modo che sui loro network si ottenga visibilità solo ed esclusivamente pagando, la mia risposta sarà quella di Francesco Cossiga, buonanima:

CICCIA!

Funari era inarrivabile.

Funari era inarrivabile.

Vorrà dire totale disconnessione dai loro network e ritorno ai tempi antichi: email per newsletter e commenti diretti sui miei siti. Tutto il resto potrà fare ciò che Gianfranco Funari ha efficacemente sintetizzato qui di lato.

Come si dice a Roma, «daje, daje, daje e daje, ‘a corda se spezza». Per il momento lascio chiacchierare tutti coloro che dicono sì, vabbe’, sogna, sogna. Ma come ormai so bene, il tempo mi darà ragione.

«Ce lo sapremo ridi’», si dice sempre a Roma. E i detti popolari sono saggezza e conoscenza, non dimentichiamolo.

Commenti Facebook
Marco Valerio Principato (1279 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Io non so se i garanti privacy di tutta Europa si rendano conto della farsa, dell'atteggiamento istrionico...
Come si può ben osservare, sia su questo blog che sul New Blog Times ho ripristinato anche i "plugin...
Vi faccio far caso a un altro effetto della Cookie Law, già «rognosa» negli effetti, come ho scritto....
(UPDATE) Ho provato a utilizzare il plugin W3 Total Cache, che a quanto si legge sembra tra quelli con...
Siamo tutti più che altro curiosi di sapere come va a finire. Oggi un lungo (e, dal mio punto di vista,...


In questo post ho parlato di: , , , ,


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*