Stampa post Stampa post
Home » Idee e pensieri
Cambia categoria:

Categorie


Google AdSense sul New Blog Times, ci siamo quasi

  • Condividi su Telegram
  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
31 marzo 2013 - 18:30 | Commenti 0 | Link breve

Mancano un paio di euro, dopodiché il conto di AdSense di Google sarà pronto per essere pagato. Una volta ricevuto il pagamento… THUMP!


Iconico calcio nel sedere...

Iconico calcio nel sedere…

Non manca molto: un altro paio di euro e si raggiungono i 70, cifra con cui “scatta” il pagamento da parte di AdSense di Google. Raggiunta quella soglia, come abbondantemente qui preannunciato, toglierò anche dal New Blog Times i banner di quel circuito pubblicitario.

Da quel giorno in poi chi di voi utilizza Ghostery potrà rilevare l’assoluta assenza di qualsiasi tracker (come già accade su questo blog): del resto, avendo tolto dai piedi tutti gli script e gestendo personalmente i banner che si vedranno, tracciamenti residui non potranno esservene.

Naturalmente Google se la prende comoda: i 70 euro saranno raggiunti all’interno del mese di aprile, il che significa che al 30 aprile il saldo sarà uguale (o di poco superiore perché, appena ci arriva, tolgo i banner) alla quota richiesta. E ciò significa che entro il 30 del mese successivo – come da condizioni – pagherà.

Una volta pagato, cancellerò anche quell’account (che è il primo creato su Google: il secondo è stato già rimosso), su cui Google sa fin troppo. Nel frattempo ne ho creato un altro per il solo smartphone Samsung Galaxy S3: serve per “giocarci” e naturalmente non ha niente a che vedere con la mia “identità in rete fissa”. Con quell’account, creato direttamente sullo smartphone, ci entro solo dallo smartphone e non lo uso mai sul computer, altrimenti sarebbe troppo facile riallacciare tutti i nodi (Google ci proverà ugualmente a partire dalla semplice omonimia, ma resterà in attesa indefinita di una conferma che non arriverà mai, dunque dopo un po’ di tempo i suoi algoritmi desisteranno: so bene come funziona).

Mi sono registrato a tutto: Google Plus, Google Now, Facebook, Facebook Messenger, DropBox, Twitter, WhatsApp, Viber, Skype (con un altro identificativo, rispetto a quello che uso su PC, che è ik0mhg-sgs3), insomma quel che mi passa per la testa. Tanto… la rubrica è assolutamente vuota, contiene solo i contatti copiati da Facebook, come pure l’agenda, che si è popolata con gli “eventi” di Facebook, e nessun client email configurato. Presto aggiungerò anche Pinterest, FourSquare, Instagram e quant’altro: non hanno nulla da sifonare, essendo tutto riempito con dati originati da loro stessi o da altri, ma non da me).

A qualcuno che so già avere WhatsApp o Skype o altro, ho aggiunto il numero di cellulare per farlo riconoscere, ma naturalmente questo non comunica nulla di nuovo ai pescecani dei dati personali: se vengono riconosciuti, vuol dire che gli stessi pescecani già conoscono quei dati, tutt’al più sapranno che sono in relazione anche con me. L’importante è che la mia rubrica vera, quella personale, la mia agenda e le mie note reali e in uso personale stiano fuori dai piedi (infatti, tutto ciò è tornato sul BlackBerry, dove è ben isolato dalle attività di siphoning).

Chi avesse bisogno di contattarmi su Skype può farlo con questi link:

Voce/video su PC Chat su PC Voce/video su Samsung S3 Chat su Samsung S3

Da Google ho ovviamente ottenuto un altro indirizzo email, che però non sarà diffuso né impiegato in alcun modo: tutti gli impieghi dovranno essere “network-originated”, così da scoprire facilmente quale percorso seguono le dispersioni di tale indirizzo. Dunque, se accadesse che mi “pizzicate” su Google Plus, contattatemi direttamente tramite il social network ma evitate l’email di Google: a quell’indirizzo non rispondo a nessuno, mi limito a cancellare.

Ci sono gli indirizzi ufficiali e quelli vanno usati: chi avesse bisogno di contattarmi via email, ha qui su questo blog un’apposita pagina dove vi sono gli indirizzi ufficiali che sono, neanche a dirlo, sul mio server in noleggio, dove nessuno sbircia e nessuno traccia nulla (per un semplice motivo… perché sono io a pagarlo).

E… buona Pasqua.

Commenti Facebook

Su argomenti simili:

Come anticipato, il "conto" AdSense ha superato di qualche centesimo i 70 euro. Dunque, tutti i banner...
Non ho avuto tempo di dirlo finora, ma non me ne ero dimenticato né ci ho ripensato: l'operazione...
Qui nessuno di noi blogga per arricchirsi. Non c'è dubbio che ormai si tratti di un mercato inflazionato,...
Ormai sono quasi due mesi che provo Simply.com come pubblicità: chi segue il mio blog avrà notato,...
Noto con piacere che il sito Dynamic Infrastructure Conversations (http://www.ddc-conversations.it) ha...


In questo post ho parlato di: , , , ,

Marco Valerio Principato (1281 articoli)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.

  • Feed RSS autore
  • Twitter
  • Facebook
  • Instagram
  • Telegram
  • BlackBerry Messenger (BBM)
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*