Stampa post Stampa post
Home » Idee e pensieri
Cambia categoria:

Categorie


La doppia spunta blu? Al cervello

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
13 novembre 2014 - 07:17 | Commenti 0 | Link breve

Come dice una mia collega universitaria: «se sapessimo indignarci per le cose serie come facciamo quando cambiano WhatsApp, a quest’ora i parlamentari sarebbero la metà».


107 articoli!

107 articoli!

Centosette articoli, aggregati da Google News alle sei e trenta del mattino di oggi, giovedì 13 novembre 2014, parlano della «possibile marcia indietro» di WhatsApp circa l’introduzione della doppia spunta blu, aka “conferma di lettura”. E probabilmente ne usciranno tanti altri. Manco fosse stato scoperto l’arcano dell’amor che move il sole e l’altre stelle.

Ora, a prescindere dalla fonte, che nonostante cerchi di “qualificarsi” destinataria unica ed esclusiva di un altrettanto unico ed esclusivo leak, come evidenziato da Dario Bonacina, è la medesima che ti propina crapware e altre schifezze immonde quando cerchi di scaricare del software dai suoi “aggregatori” di file, la domanda è questa: ma come facevate fino a ieri, quando WhatsApp e tutti i suoi simili non c’erano?

BBM: Read = Letto, Delivered = Consegnato, Sent = Inviato. Da sempre.

BBM: Read = Letto, Delivered = Consegnato, Sent = Inviato. Da sempre.

Vorrei far notare che WhatsApp – eccone un altro – arriva «fresco fresco» con una caratteristica tra le più desiderate (che altri sistemi come BBM già hanno da una vita, vedi a destra) e ora che ve l’ha data siete tutti risentiti per la privacy? Ma quale privacy, che non sapete neanche di cosa parlate?

Poi, i “trucchetti”, spillati e dispensati da tutti come fossero Vangelo: leggere il (o parte del) messaggio dalla riga di stato o dall’home screen, oppure attivare la modalità aereo e poi leggere (ricordando che poi si deve restare in modalità aereo, altrimenti la conferma di lettura parte appena la si toglie), come si trattasse di una questione di stato.

Sapete che vi dico? Fa bene Mark Zuckerberg a sifonarvi tutto il sifonabile dai vostri celli. Siete talmente rincitrulliti appresso a WhatsApp, dai più giovani ai meno giovani, da meritarvi che non solo vi sifoni tutto, ma che si venda tutte le informazioni ricavate alle vostre spalle (come fa da sempre, del resto), dall’intero elenco dei vostri corrispondenti in rubrica a quel che vi raccontate con loro e tutto ciò d’altro che si riesce a sapere, notoriamente tanto, tantissimo.

Ecco perché l’Italia affonda: perché pendete tutti dalle labbra di una stupidissima doppia spunta per sapere se vostra moglie o vostro marito vi tradisce.

Datemi retta: se non ci arrivate da soli, andate a fare un bel corso di Scienze della Comunicazione, possibilmente studiando con impegno e interesse veri. Imparerete che per sapere cose del genere non c’è nessun bisogno di WhatsApp né di altre sciocchezze simili. Fatto ciò, finalmente potrete mettere la doppia spunta. Al cervello, che pare proprio ne abbia bisogno.

Commenti Facebook
Marco Valerio Principato (1280 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Da un paio di giorni non si parla d'altro: WhatsApp ha messo il baffo blu, adesso non si scappa più,...
Mammasantìssima. ApparteilfattocheWhatsÀpp, da quando se l'è accattato Zuckerberg, non mi vedrà...
Ecco perché sono convinto, come dicevo al mio docente di giornalismo in sede d'esame, che l'Agenda...
Così direbbero i romani: «a WhatsAppe!», con la e finale come Enele, Gasse (che si porta anche...
L'app è un antitracciamento. Segnala al team dei suoi progettisti, mediante un servizio VPN, tutte...


In questo post ho parlato di: ,


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*