Stampa post Stampa post
Home » Mercato
Cambia categoria:

Categorie


ACEA, contatore elettronico a richiesta utente. Per forza

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
11 marzo 2009 - 15:29 | Commenti 15 | Link breve

Vi hanno mai detto la verità nascosta dietro al cambio obbligatorio del contatore della luce? Niente paura, è sempre la solita, prettamente italiana


Un contatore elettronico di energia elettrica Landis & Gyr

ATTENZIONE: POST UN PO’ LUNGHETTO, MA DIVERTENTE

Qualche tempo fa l’ACEA, fornitrice principale di elettricità nella mia città natale (Roma), ha lasciato affisso un avviso nel portone per comunicare che il giorno X, tra le 10 e le 13, un tecnico sarebbe venuto per sostituire il contatore della luce elettromeccanico con quello elettronico. Come recapiti erano indicati un numero di rete fissa e un cellulare, dei quali ho preso nota. Da notare che, essendo il mio appartamento di vecchia concezione, il contatore è all’interno dell’appartamento e non nel sottoscala.

Naturalmente, a quell’ora sono altissime le probabilità che non vi sia nessuno in casa, perché una persona normale di solito a quell’ora lavora. E così è stato: non avendomi trovato, hanno lasciato un avviso nella cassetta della posta, dal tono alquanto risentito, sostenendo che la mia assenza comporterà per loro un aggravio di spese, in quanto avrebbero dovuto reinviare il tecnico. Come recapito era indicato solo un cellulare, e l’avviso precedente con il recapito di rete fissa era stato tolto. Ma io avevo scritto i numeri.

Ho chiamato il recapito di rete fissa, spiegando che è assurda la pretesa di inviare un tecnico a quell’ora e, se proprio fosse indispensabile cambiare il contatore, avrebbero dovuto inviarmi il tecnico in altri orari. Ho anche spiegato che, essendo titolare di un contratto da 6 KW, non ho alcuna facilitazione: pago un canone fisso e il costo per KW per me è identico, sia che ne consumi uno sia che ne consumi moltissimi. Dunque, il contatore poteva anche non essere cambiato perché, per il mio contratto, facilitazioni come la tariffa bioraria non esistono.

Ho chiesto, quindi, quale fosse per me  il vantaggio – oltre alla telelettura – del cambio del contatore. Per tutta risposta, l’interlocutore mi ha precisato che, comunque, i nuovi contatori non sono “ancora” telegestiti, quindi in ogni caso la telelettura non l’avrei avuta. A questo punto ho detto chiaramente che non desideravo alcun cambio di contatore, funzionando quello elettromeccanico perfettamente e dovendo comunque, ogni bimestre, essere io ad inviare la lettura.

Ma il tizio ha detto che è obbligatorio cambiarlo e se l’utente rifiuta, l’azienda può anche decidere di inviare un telegramma ingiungendo di rendere possibile l’accesso per il cambio, diversamente può sospendere la fornitura.

A questo punto ho ceduto. L’interlocutore mi ha chiesto di prendere direttamente appuntamento con il tecnico, chiamandolo al cellulare. Ovviamente, non ho accettato: per una cosa che mi chiede ACEA, su cui IO non ho alcun vantaggio, debbo pure spendere soldi per una chiamata a un cellulare? Assolutamente, per principio. L’appuntamento lo prendesse l’azienda, altro che. E, infatti lo ha fatto, a riprova che l’interesse è tutto di ACEA.

Un contatore elettronico di energia elettrica Landis & Gyr

Un contatore elettronico di energia elettrica Landis & Gyr

Dopo qualche giorno, come da accordi si sono presentati due bravissimi ragazzi a casa, con i quali ci siamo piacevolmente intrattenuti e alla fine il lavoro glielo ho fatto eseguire per non metterli in difficoltà ma, per non farla troppo lunga:

  1. mi hanno confermato che il servizio di telegestione e, conseguentemente, la telelettura si avranno solo quando l’azienda avrà installato nella cabina elettrica generale gli opportuni apparecchi (ma và?) e questo, nota bene, è di là da venire e non si sa se e quando ACEA lo farà;
  2. sull’ordinativo di lavoro in possesso dei due ragazzi dell’ACEA – che volevo fotografare ma non l’ho fatto, ancora una volta, per non metterli in difficoltà – c’era scritto: “Motivo sostituzione: A RICHIESTA DEL CLIENTE”.

Questo mi ha sulle prime lasciato perplesso, ma in un lampo tutto è stato chiaro.

Archiviando, per ogni contatore sostituito, un ordinativo di lavoro “a richiesta del cliente” si può giustificare l’acquisto di migliaia e migliaia di contatori (per Roma e parte dei dintorni è tutto ACEA), probabilmente ottenuti (nel mio caso da Landis & Gyr) per via di accordi commerciali sui quali – non sarebbe né il primo né l’ultimo caso nella storia italiana – potrebbero (notare il condizionale, non dico che SONO) essere previsti ulteriori accordi… a margine (e di margine).

Il mio contatore elettromeccanico ACEA, fotografato per il conteggio dopo la sostituzione

Il mio contatore elettromeccanico ACEA, fotografato per il conteggio dopo la sostituzione

Risultato: agli atti c’è scritto che IO ho chiesto di cambiare il contatore, mentre IO ho chiesto di NON cambiarlo, anzi, mi è stato detto che rischiavo l’interruzione del servizio.

Per di più, ora per leggere il valore del consumo debbo premere quattro o cinque volte quell’odioso tasto, mentre prima bastava un’occhiata (vedi figura qui a destra, che è una foto reale del mio vecchio contatore con rimosso solo il numero di serie), e sono sempre io ad inviare la lettura, perché in assenza di telegestione persino l’orologio segna 00/00/1900 + il tempo trascorso dal momento dell’installazione.

Non è certo un problema premere un tasto, ma altrettanto evidente è che io non ho alcun vantaggio dalla sostituzione e, apparentemente, neanche ACEA, almeno fin quando non sarà avviata la telegestione.

Ora la blogosfera è avvertita: se siete nelle stesse condizioni, se non avete alcun vantaggio ma pretendono di cambiarvi il contatore, sappiate che in assenza di telegestione l’unico vantaggio nel cambio è di ACEA, non certo vostro. Pertanto, PRETENDETE in modo ASSOLUTO che sull’ordinativo venga scritto:

Motivo della sostituzione: A RICHIESTA PERENTORIA DELL’AZIENDA EROGATRICE

Per lo meno, agli atti risulterà la verità e l’azienda dovrà poi dimostrare, magari dopo anni, come mai ha voluto in fretta e furia cambiare i contatori non avendo ancora installato tutto il resto del tele-giocattolo.

Marco Valerio Principato (1277 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Non si dica che sono sempre quello dedito a sferrare mazzate - è accaduto da poco - dietro al "vetro"...
Ci risiamo: era solo novembre 2011 - cioè due mesi fa, rispetto alla data di questo post - quando...
Guardate che bellina, la "letterina d'accompagno" che ACEA si premura di inviare ai suoi clienti insieme...
Ho appena ricevuto la bolletta della luce. Quella che ricevono tanti milioni di italiani, nel caso...
Stefano Quintarelli: Telefonica annuncia i risultati. Controcorrente sla rete fissa rispetto al resto...


In questo post ho parlato di:


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (Facebook)
COMMENTI (locali)

15 commenti (locali) »

  • Luisa ha scritto:

    Leggo i vostri post con terrore ma anche con soddisfazione. Di tanto in tanto passano i tecnici dell’ACEA che vogliono cambiare il contatore che essendo il mio un appartamento di vecchia costruzione, il contatore è all’interno dell’appartamento. La mia collaboratrice domestica ovviamente non apre a nessuno ed ha più volte suggerito di lasciare un avviso nella cassetta della posta. Io non ho mai trovato nulla, ma dopo l’ultima richiesta insistente di cambio contatore (arrivano sempre dalle 10.00 alle 12.00 di mattina)stavo organizzandomi di prendere un giorno di ferie e chiamare l’acea per un appuntamento. A questo punto vi ringrazio tutti per i vostri commenti perchè NON MI ATTIVERO’ ASSOLUTAMENTE PER FAR CAMBIARE IL MIO VECCHIO CONTATORE ELETTROMECCANICO. E non intendo per nulla pagare bollette stratosferiche come avete fatto voi. Vi ringrazio infinitamente

  • marcella casinico ha scritto:

    Insomma, in italia ci sono sempre i soliti ladri. Che paese di accattoni, dovrebbero vergognarsi visto che cercano di arricchirsi sulle spalle della povera gente.

  • Vinci Olliemag ha scritto:

    Io pensavo di essere l’unico ma leggendo i commenti ho visto che ci sono persone che stanno come me. Franco se ti rincuora a me e’ giunta una bolletta di circa €8.000,00 conguaglio 2001…’tacci de pippo. Non so che fare. Aiutooooooooo!

  • tommaso puggioni ha scritto:

    Oggi 04.07.2011 sono passati anche da me .Non trovandomi mi hanno lasciato un avviso per dirmi che passano domani. Mi hanno lasciato un numero di cell. Li ho avvisati che non possono mettere il nuovo contatore digitale da me perchè non entra nella nicchia che ho in quanto la mia è una casa vecchia. mi hanno detto che è obbligatorio e che se non faccio fare i lavori a mie spese di allargamento della nicchia l’acea mi interromperà la luce per una direttiva europea. che ne pensate?

  • ciccio ha scritto:

    Guardavo internet. Siamo sicuri che i contatori ACEA misurino la Veff.x I eff x cos ? Da uno schema a blocchi USA sembrerebbe che misura la corrente x il cos ipotizzando che la tensione sia sempre 230 Volt. Il che non è vero.
    I vecchi contatori elettromeccanici consideravano la vera tensione erogata che qualche volta, di sera, scende anche a 198 Volt.

  • pasquale ha scritto:

    Ciao a tutti la stessa cosa e successo a me la sostituzione del contatore , poi abito in una palazzina di 3 appartamenti e solo il mio e stato sostituito.Dopo la sotituzione mi e arrivato un conguaglio di euro 850,00 che sto pagando a rate ,mentre le bollette che sono arrivate l’ultima che ho pagato e stata di 255,00 euro nemmeno avessi un’attivita lavorativa.Le abitutini sono sempre le stesse .

  • Andrea ha scritto:

    Ho trovato questa brochure:
    http://www.ceg-energia.it/elementi/www/documenti_pdf/brochure_cliente.pdf
    in pratica il campo a+ e’ quello equivalente al vecchio elettromeccanico

  • Donatella ha scritto:

    A me è toccata la stessa sorte!!Ora in casa abbiamo un contatore nuovo che nessuno ha richiesto nè voluto. Nessuno ci ha spiegato come funziona e sinceramnete non è chiaro quale sia la lettura da comunicare, ossia se quella corrispondente alla sigla Q1, A+ o altre!! Qualcuno di voi ha qualche certezza su quale sia la sigla relativa al consumo effettuato?? grazie in anticipo!

  • franco ha scritto:

    mio figlio ha ricevuto una bolletta di 6800 euro.conguaglio dal 2002.vi farò sapere le prossime.

  • giuliana ha scritto:

    Anche a me è stato installato il contatore per la telelettura, come pure a tutti gli altri inquilini del mio palazzo.
    Abbiamo, indistintamente tutti, constatato che dal momento dell’installazione del nuovo contatore le bollette sono quasi triplicate!!! nonostante nessuno abbia cambiato le proprie abitudini.
    Che dipenda dal contatore???

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*