Stampa post Stampa post
Home » Mercato, Prima
Cambia categoria:

Categorie


ACEA Energia: telelettura? Come non averla

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
7 gennaio 2012 - 17:46 | Commenti 1 | Link breve

Meno male che mi ero appena lamentato proprio qui sul blog della mancata ‘telelettura’ da parte di ACEA, suscitando anche l’attenzione del quotidiano La Repubblica. Come nulla fosse, ecco un’altra ‘presunta’ fattura


ACEA Logo

Ci risiamo: era solo novembre 2011 – cioè due mesi fa, rispetto alla data di questo post – quando mi lamentavo della fatturazione di ACEA, il principale fornitore di energia elettrica nella Capitale, che conteneva consumo presunto in presenza di contatore elettronico. E ora, di nuovo, un’altra fattura con altri due mesi di consumo presunto.

Bolletta ACEA, pagina 1 (click per ingrandire)

Bolletta ACEA, pagina 1 (click per ingrandire)

Non ci credete? Ingrandite l’immagine qui a sinistra: è la prima pagina dell’ultima bolletta che ho ricevuto. Le parti oscurate sono quelle strettamente personali, non essenziali per quanto intendo rappresentare.

A questo punto non so se ho consumato di più, di meno, non mi interessa: l’unica cosa che mi interessa è quella di evidenziare le licenze (perché di questo si tratta, non di libertà) che sono concesse a codeste aziende, con la più assoluta certezza dell’impunità e, soprattutto, senza che il cliente possa fare assolutamente nulla perché siano punite come meritano.

Né vale ritenere di fare segnalazioni, anche collettive, il cui unico effetto sarebbe – forse – quello di far comminare loro una sanzione dall’Antitrust che, però, come abbiamo tutti imparato quando essa ha “punito” (tsk!) gli operatori telefonici per pubblicità ingannevole, sono importi risibili, paragonabili a un sacchetto di bruscolini per un comune portafogli di un comune mortale (ricordiamoci, per esempio, le sanzioni a Vodafone e TIM).

E dire che la mia precedente segnalazione ha destato l’attenzione di Giuseppe Scarpa, giornalista di Repubblica, che mi ha telefonato e ha citato e raccontato sul quotidiano (anche cartaceo) quanto avevo riferito nel post precedente. Ma forse l’attenzione di La Repubblica Roma non basta: probabilmente ci vorrebbe un interessamento più poderoso, magari una bella inchiesta di quelle fatte bene, per scoprire le vere ragioni del praticare la “non lettura”.

A questo punto, per mia “maggior tutela” (altro che Servizio di Maggior Tutela: di chi?), facciamo una bella cosa: o voi di ACEA vi decidete a cliccare dove dovete cliccare – perché solo di questo si tratta – e iniziate a farle, queste benedette tele-letture, oppure vi saluto e passo a Edison, a Eni Gas e Luce, a Mario Rossi Elettricità, chiunque sia, ma vi mollo. Tanto, filo, contatore e fonti energetiche restano gli stessi, non è che altri mi forniranno elettricità di maggiore o minore qualità: è solo un fatto contrattuale, come ben noto, e sono tuttora convinto che non ci sia alcuna convenienza a farlo. Ma si tratta, nello specifico, semplicemente di farlo per dispetto.

E i mezzi non mancano: del resto, avete voluto la liberalizzazione del mercato? Pedalare: oneri e onori, miei cari.

Marco Valerio Principato (1277 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Ho appena ricevuto la bolletta della luce. Quella che ricevono tanti milioni di italiani, nel caso...
Guardate che bellina, la "letterina d'accompagno" che ACEA si premura di inviare ai suoi clienti insieme...
Avete l'energia elettrica fornita da ENEL? Perfetto. Avete anche il contatore elettronico? Ottimo: quello...
ATTENZIONE: POST UN PO' LUNGHETTO, MA DIVERTENTE Qualche tempo fa l'ACEA, fornitrice principale di elettricità...
Non si dica che sono sempre quello dedito a sferrare mazzate - è accaduto da poco - dietro al "vetro"...


In questo post ho parlato di:


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (Facebook)
COMMENTI (locali)

1 commento (locale) »

  • Antonello ha scritto:

    Mi dispiace, ma cambiare fornitore non serve a nulla.. anzi complica la situazione e aumentano gli oneri perchè a me che ho abbandonato ACEA da 3 anni continuano ad arrivare fatturazioni presunte. Il nuovo fornitore ha detto che ACEA non passa le letture e solo quando c’è un ritardo di 12 mesi loro possono sollecitare ACEA a fornirgliele perchè è un obbligo contrattuale.. ma solo se si superano i 12 mesi.. quando finalmente dopo i primi 12 mesi ACEA ha inviato le letture al nuovo fornitore, erano errate e mi è arrivata una bolletta di 945€ che ho dovuto pagare subito. Solo dopo alcuni mesi (telefonate, email e fax con le vecchie bollette per provare che le letture iniziali erano errate) sono riuscito a farmi rimborsare il mega conguaglio… Non c’è verso di vivere in un paese normale..

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*