Stampa post Stampa post
Home » Mercato
Cambia categoria:

Categorie


Google, salute finanziaria e AdSense

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
21 luglio 2009 - 09:44 | Commenti 0 | Link breve

Google sta bene in salute, nonostante tutto. Buon per loro, ma attenzione a non tirare troppo la corda con AdSense, perché se paga troppo poco e fa troppe storie, la gente lo molla


Gli attuali CPM di AdSense

Si è letto in questi giorni che Eric Schmidt, il number one di Google, ha annunciato che “a dispetto di uno scenario economico molto difficile nel quale dover operare Google è stata capace di mantenere le proprie posizioni, confermando come le dinamiche di business dell’azienda si siano definitivamente stabilizzate. Alla fine di Giugno Google poteva contare su poco meno di 20.000 dipendenti, in calo di 375 unità rispetto alla fine del primo trimestre 2009. L’azienda detiene al momento dispoinibilità liquide di poco inferiori a 20 miliardi di dollari”, dice Hardware Upgrade.

Benissimo. Insomma il 3 per cento di fatturato in più, con YouTube che ha ingranato, spiega Giorgio Pontico su Punto Informatico. Invece PC-Facile, per farla breve, dice che è ricco da far paura e forse ha pure ragione.

Poco si parla di AdSense, invece. Ho visto stamattina i resoconti relativi all’advertising AdSense sul New Blog Times e sono rimasto perplesso, ma non per la riduzione degli introiti: su quella sono in qualche modo “preparato”, so bene che la pubblicità – almeno ad oggi – aiuta molto ma non basta a coprire totalmente le spese.

Gli attuali CPM di AdSense

Gli attuali CPM di AdSense

Ora però mi sembra che a Moutain View stiano un pochino esagerando, cominciano a somigliare un po’ troppo allo Zio Paperone: lo scorso anno i costi per mille impression che Google stesso spiega qui, erano ben più generosi. Ora cominciano ad essere davvero miseri (vedi immagine, estratta dai resoconti di ieri, tenuto conto che ad oggi il NBT è intorno alle 2mila visite uniche al giorno).

Per poter racimolare qualche soldo da AdSense, quindi, un sito cosa dovrebbe fare? Essere per forza un grande quotidiano, un TechCrunch della situazione, raggranellare non meno di 100mila visite uniche al giorno per sperare di coprire le spese, pagarsi una pizza e poterla magari anche offrire a chi butta il sangue a scrivere “per la gloria”?

Ci credo che le casse di Google stanno a posto. Comincio anche a capire perché. Ma attenzione: tirando troppo la corda, si rischia, la storia lo insegna. Star lì a tener su gli annunci AdSense per racimolare pochi euro potrebbe convincere me (ma non solo me) a passare ad altri metodi. Preferibilmente senza intermediari. E finché lo faccio solo io, a Google non gli scuce un baffo. Ma se lo fanno in tanti, forse il baffo dovrà risagomarlo, altrimenti rischia di rasarlo.

Augh. Ho detto.

Marco Valerio Principato (1277 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Strano, vero? Pur trattandosi di Google stessa, una ricerca di "Google Italian Channel" su Google porta...
Lenovo Group Ltd., la casa che ha ereditato nel 2005 il PC IBM di beata memoria, è oggi il quarto produttore...
Avete notato che su questo blog non compaiono più gli annunci AdSense? La ragione è semplice, secondo...
Oh, oh, ragazzi: Google si è un tantino sbottonato con Punto Informatico, per offrire il proprio punto...
Qui nessuno di noi blogga per arricchirsi. Non c'è dubbio che ormai si tratti di un mercato inflazionato,...


In questo post ho parlato di: , , ,


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (Facebook)
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*