Stampa post Stampa post
Home » Mercato
Cambia categoria:

Categorie


Microsoft Office gratiiis… Microsoft Office gratiiis…

  • Condividi su Telegram
  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
12 maggio 2010 - 18:06 | Commenti 0 | Link breve

Oltre Docs.com, oltre l’applicazione: Microsoft pensa di rendere davvero Office 2010 online. Qualche congettura sulla novità


Office sarà online

Office sarà online

In effetti, parlando della novità che si prospetta a proposito di Microsoft Office (cioè che BigM lo darà via gratis sul Web, il prossimo mese, a parte l’uso business per il quale tende la mano), c’è una cosa di cui Microsoft si ostina, secondo me, a non tener conto: Office, per gran parte dell’utenza, è complesso e difficile da imparare e da usare (a fondo, s’intende). Qualcosa che va oltre il discorso di Docs.com di cui si è parlato in precedenza.

Office sarà online

Office sarà online

Fa di tutto, manca solo che faccia il caffè, per carità. Un prodotto completissimo, in ogni suo aspetto. Ma anche costosissimo, specie per il privato, suvvia, inutile nasconderlo.

E quando ti trovi a competere con avversari del calibro di OpenOffice – che come niente ti offre quasi tutto ciò che ti offre Office – e dal quale è un attimo imparare a salvare un documento in formato Word, per Microsoft è un primo prato di gramigna difficile da diserbare. Uno spadaccino, tra l’altro, che alberga su tutte le principali piattaforme: OpenOffice c’è su Mac, su Linux e su Windows, identico. Non altrettanto per Office.

Poi c’è un dato di fatto: lasciando perdere l’utenza superprofessionale, quella che con office ci redige quei business plan supercomplessi (e spesso inutili perché poco chiari), per la maggior parte delle persone – privati o PMI – Google Documenti basta e avanza.

Google, dal canto suo, se ne frega del sistema operativo: sta sul Web, dunque tutti lo usano, e tutti nello stesso modo.

Ecco perché Microsoft è arrivata a… darlo via praticamente gratis: secondo me non sarebbe arrivata a questo punto se avesse tenuto “le penne più basse”, si fosse impegnata a venderlo a un prezzo più ragionevole e se ne avesse previsto la produzione di versioni per tutti e tre i principali sistemi operativi.

Commenti Facebook

Su argomenti simili:

Se si apre Google News, una delle notizie che salta all'occhio all'utilizzatore di Microsoft Office è...
La notizia è "in prima pagina" su Google News e sui principali aggregatori, i feed RSS non parlano...
Quello che vedete qui sopra è il prodotto di qualche mese di lavoro: è la mia tesi di laurea in Scienze...
Ho provato a dare un'occhiata alle statistiche di Skype e pare che siano in crescita. Io però vedo quel...
L'ufficio brevetti statunitense (US Patent Office) sta rivedendo la sua politica, il modo di considerare...


Marco Valerio Principato (1281 articoli)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.

  • Feed RSS autore
  • Twitter
  • Facebook
  • Instagram
  • Telegram
  • BlackBerry Messenger (BBM)
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*