Stampa post Stampa post
Home » Costume e società
Cambia categoria:

Categorie


ArticoloTre: notizie vere da una testata immaginaria

  • Condividi su Telegram
  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
21 maggio 2015 - 09:04 | Commenti 0 | Link breve

Si potrebbe mai supporre che una testata giornalistica vera diffonda con sussiego una notizia originata da una testata giornalistica immaginaria? Eppure è così: Superman ha colpito.


L'articolo in questione.
L’articolo in questione.

Secondo la testata giornalistica ArticoloTre, la dott.ssa Laura Boldrini, oggi Presidente della Camera dei Deputati, avrebbe detto in un’intervista: « Il mio sogno è che Salvini una mattina si svegli e si ritrovi rinato come Rom, solo così potrà imparare a rispettare un popolo che ormai da secoli vive in Italia ed a cui dobbiamo le nostre radici».

Ci può anche stare, è abbastanza credibile come impatto, perché la dott.ssa Boldrini non è nuova a “uscite” piuttosto singolari, come ho già avuto modo di considerare. Poi ci si ripiglia dal colpo e si riflette sulle parole: a cui dobbiamo le nostre radici. Ma di che parla? Non può essere che noi, italiani, “dobbiamo le nostre radici” ai Rom, la fandonia è troppo grossa.

Informarsi da Facebook NON basta (click per ingrandire)

Informarsi da Facebook NON basta (click per ingrandire)

Infatti. Lo stesso Facebook, dove ho scorto la notizia in bacheca (vedi immagine), sotto ai creduloni che ci sono cascati propone lui stesso un articolo di svergognamento del sito bufale.net, il quale spiega chiaramente come la falsa notizia abbia avuto origine su un blog di satira (anche se di dubbia arguzia) e abbia poi preso la via virale della Rete.

Io che non sono mai stato un appassionato di Superman, ad esempio, non sapevo che il Daily Planet, il quotidiano citato da ArticoloTre come fonte, fosse una testata immaginaria. Tuttavia, non avendola mai sentita, ho fatto ciò che fan tutti: una ricerca su Google, dalla quale si evince immediatamente come stanno le cose, visto che porta Wikipedia come primo risultato.

Costava tanto a una testata giornalistica fare la stessa cosa?

Le lezioni da ricavare sono due:

  1. collocare opportunamente le fonti dalle quali leggiamo notizie, anche quando si qualificano come “testate giornalistiche”: il caso de quo dimostra in modo lampante che non si può leggere con il prosciutto sugli occhi;
  2. l’informazione desunta dai social network, anche se questa è la speranza di Zuckerberg, non può sostituire quella ricavata da testate serie, di qualità, nonché da semplici persone, comunque serie: la notizia in questione, infatti, è stata fatta circolare su Facebook dalla “Pagina Facebook” Le notizie che TV e giornali NON vogliono farti sapere, il cui titolo, chiaramente improntato al populismo, non dimostra affatto la bontà dell’informazione che distribuisce (o che tenta di distribuire).

E buona giornata.

Commenti Facebook

Su argomenti simili:

La dott.ssa Laura Boldrini, classe 1961, dal 16 marzo del 2013 è Presidente della Camera dei Deputati,...
Avete fatto caso al "calo" di un punto del Page Rank di Punto Informatico? Lo stavo notando qualche giorno...
Sono le 6 del mattino, non è un orario anomalo per me: dormire presto e svegliarmi presto ha sempre...
Confesso di leggere assai raramente Webnews.it, non perché non lo ritenga valido, ma perché a mio avviso...
Potrà sembrare strano, ma ogni tanto qualcosa di buono accade. Il Ministero dell'Interno, nell'udienza...


In questo post ho parlato di: , ,

Marco Valerio Principato (1281 articoli)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.

  • Feed RSS autore
  • Twitter
  • Facebook
  • Instagram
  • Telegram
  • BlackBerry Messenger (BBM)
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*