Stampa post Stampa post
Home » Costume e società
Cambia categoria:

Categorie


Webnews.it, pubblicità «obbligatoria». Audio e video

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
7 luglio 2015 - 11:45 | Commenti 0 | Link breve

Trovate così irrilevante che un sito vi «obblighi» a sorbirvi una pubblicità in video e audio, non arrestabile, non chiudibile, che urla i suoi messaggi? Io no, io lo trovo un costume intollerabile.


Il riquadro Webnews TV, subito sotto l'immagine in evidenza, obbliga alla pubblicità, autoavviante, con audio e video.
Il riquadro Webnews TV, subito sotto l’immagine in evidenza, obbliga alla pubblicità, autoavviante, con audio e video.

Confesso di leggere assai raramente Webnews.it, non perché non lo ritenga valido, ma perché a mio avviso con la pubblicità esagera: non esito a definirla invadente, oltre che invasiva.

Mentre leggevo l’articolo Zero efficacia contro la pirateria anche in Italia, condiviso su Facebook dalla dott.ssa Carmela Asero e utilissimo per il suo contenuto informativo di grande rilievo, ho potuto constatare il funzionamento del riquadro “WebNews TV”, come si osserva nell’immagine in testa.

Esso, dislocato subito sotto l’immagine in evidenza, propone in forma multimediale dei contenuti prodotti dal sito. Sulla destra dell’intestazione del riquadro c’è una “X”, che dovrebbe servire a chiuderlo. In effetti, cliccando la “X” resta la sola intestazione.

Il problema è un altro: prima del contenuto multimediale, ovviamente, c’è la pubblicità, anch’essa video e, naturalmente, audio. Con la sgradevolissima caratteristica di essere impostato non solo per autoavviarsi, ma anche per avere l’audio attivo per default, a volume nettamente superiore al normale e non disabilitabile.

Se da un lato posso capire l’esigenza, dall’altro personalmente trovo questo metodo, come anticipavo, non solo invasivo, ma soprattutto invadente. Leggevo l’articolo alle sei del mattino e, dopo aver caricato la pagina, le casse hanno iniziato a urlare il contenuto audio della pubblicità, costringendomi a una repentina manovra di spegnimento delle medesime attraverso l’interruttore, al fine di evitare di svegliare tutto il condominio.

Il filtro del firewall del FritzBox 7390 in funzione.

Il filtro del firewall del FritzBox 7390 in funzione.

Ecco perché eviterò di leggere Webnews.it e, ad evitare consultazioni accidentali, procederò a inserirne il nome a dominio nel mini-firewall di accesso a Internet dei miei Fritz-Box 7390. In questo modo, quel rischio sarà scongiurato per sempre.

Webnews.it non consente la navigazione «anonima».

Webnews.it non consente la navigazione «anonima».

Per la cronaca, i lettori sappiano che Webnews.it non permette di essere navigato attraverso TOR (vedi immagine): una pratica che trovo assolutamente deplorevole, limitativa delle libertà personali e, in certo qual modo, violenta. Dunque, pur potendo bastare il semplice AdBlock, sia chiaro: mi servirò di quel sito solo qualora sia proprio necessario per un articolo “irrinunciabile”, ma di certo – a queste condizioni – non può rientrare tra i siti di mio gradimento.

Mi dispiace. Ma per certi metodi pubblicitari, le cui “violenze” di questo genere per me sono inammissibili, supportati da una linea editoriale dal sapore alquanto dittatoriale, per me non c’è spazio. Quando è troppo, è troppo e questo costume della pubblicità e di certe redazioni, francamente, lo ritengo alquanto “scostumato”, come diceva Franca Valeri.

Pieno rispetto per la loro decisione di agire così, ma pieno rispetto anche per la mia di cancellare dal mondo “visibile” quel sito e le sue abitudini.

Commenti Facebook
Marco Valerio Principato (1279 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Tutti abbiamo notato che Facebook predilige diffondere post secondo una certa graduatoria di (suo) “gradimento”,...
Sono molto contento di osservare che l'impiego del plugin WP Original Source, concepito per rispondere...
Potrà sembrare strano, ma ogni tanto qualcosa di buono accade. Il Ministero dell'Interno, nell'udienza...
Non mi dite che sono cattivo... sono solo un po' realista, ecco. Oltre tutto per Punto Informatico io...
Un'esigenza comunissima eppure, senza un "aiutino" non riesce: avete mai avuto bisogno di registrarvi...


In questo post ho parlato di: ,


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*