Stampa post Stampa post
Home » How To
Cambia categoria:

Categorie


Browser «di servizio»: ho scelto SeaMonkey

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
15 novembre 2014 - 10:00 | Commenti 0 | Link breve

Dopo aver «peregrinato» un po’ alla ricerca del giusto compromesso, penso di aver trovato in SeaMonkey quello che cercavo. Riflessioni.


Seamonkey Logo
Seamonkey Logo

All’inizio di novembre mi chiedevo ad alta voce se qualcuno avesse per caso provato QupZilla, un browserino simpatico perché compatto e cross-platform, cioè disponibile per tutte le piattaforme, il che significa poterlo utilizzare indifferentemente su Linux, Mac OS X e Windows.

Lo scopo era di utilizzarlo come browser “separato”, quindi mai “sporco” di cookie e altre schifezze esterni, al fine di svolgere una o due sole e ben precise attività, nel mio caso sostanzialmente l’editing di post per questo blog, il New Blog Times e gli altri siti che ho.

Purtroppo quel browser andrebbe anche bene ma, almeno a me, presenta il problema di non gestire correttamente i font personalizzati, di cui faccio impiego sia qui che nel New Blog Times. Ne ho informato chi gestisce il progetto ma senza ottenere alcuna risposta.

Dunque, ho “cambiato” strada, rivolgendomi a qualcosa di più standard ma, comunque, di cross-platform e soprattutto di “indipendente”, nel senso che potesse essere tenuto in funzione assieme a Firefox, che è il browser di cui, in configurazione opportunamente “blindata”, mi servo per navigare.

Seamonkey Logo

Seamonkey Logo

Dopo diverse prove, sono approdato a SeaMonkey: è un progetto completamente Open Source, integrato al suo interno vi è sia il browser, sia il client di posta, sia l’editor HTML, sia un client di chat IRC. Essendo fondato sul medesimo “motore” di Firefox, si comporta più che brillantemente, non ha alcun problema di compatibilità ed ha un “footprint” (cioè una impronta di occupazione di memoria) più contenuto rispetto a Firefox e, chicca delle chicche, se vi fosse bisogno di un qualsiasi Add-on (io ci ho aggiunto Firebug, per esempio), usa tranquillamente tutte le estensioni di Firefox. Inoltre c’è per tutti i sistemi operativi.

Posso dunque “liberarmi” sia di QupZilla sia di Safari, che uso solo su Windows e Mac ma, non essendo questo più aggiornato, comincia ad avere qualche problema.

Per chi avesse bisogno di una cosa del genere, direi di farci un pensierino, per un semplice motivo: oggi Internet è diventata un autentico – scusate il termine – troiaio, come diceva un mio compagno di scuola toscano. Se si naviga liberamente, il proprio browser si “sporca” in maniera inenarrabile tra Java, oggetti memorizzati localmente, cookie, supercookie, elementi Flash e via discorrendo, che per toccarlo ci vorrebbero i guanti antisettici.

Poi magari con quello stesso browser ci colleghiamo al sito della nostra banca, per eseguire operazioni finanziarie online e questo non è certo la miglior garanzia… Molto meglio avere un browser “dedicato”, col quale ci colleghiamo solo alla banca e a pochissimi servizi sui quali vogliamo una certa garanzia di “pulizia” e “non compromissione”.

Pensateci. Alla fine installarlo non costa nulla: è gratuito ed è attivamente sviluppato, dunque non si corrono particolari rischi.

Marco Valerio Principato (1277 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Dato che quando lavoro di "redazione" qui sul blog, o sul New Blog Times, o altre... mie Web Properties...
È voce comune che cominciano a piacere i browser veloci, quelli magri, che su Windows non impiegano...
Safari, il browser progettato da Apple per Mac OSX e iPhone OS, come sappiamo non esiste per Linux: è...
In questi giorni mi sono un po' dato da fare per individuare una soluzione di browsing indipendente e,...
(UPDATE in calce) Nel tentativo di risolvere, una volta per tutte, il problema dell'inoltro dei post...


In questo post ho parlato di: ,


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (Facebook)
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*