How ToPrima

Opera, why I removed it / perché l’ho disinstallato

This post is both in italian and english, so that Opera Boys will learn why sometimes it’s better to listen users.

Questo post è sia in italiano che in inglese, così che i ragazzi di Opera imparino perché a volte è meglio dare ascolto all’utenza.


English (italiano più giù)

Well, these days I’ve tweeted several times I was uninstalling Opera Browser, which I had on all of my computers. I tweeted for each computer and for each operating system installed on each computer. That serves to demonstrate not only I had it installed on all computers and all operating systems, but also that I really used it.

Opera is not the fastest browser of the world, though it performs much better than others: look at this specific test and you will see how it behaves in several different scenarios. There is no way for IE and Firefox to overall beat the speed of Opera and Chrome/Chromium. Just Safari, IMHO, can compete in some operations, but it’s a Mac-OSX only scenario (under Windows it’s a bit slower and is unavailable under Linux). So, my general configuration planned to use:

  1. Firefox as a general purpose, well extension enriched and privacy protected browser. Just “service” bookmarks (e.g. administrative pages, services and a few other). All general reading bookmarks were moved to Opera.
  2. Chromium as a fast, small footprint and local usage front-end to edit blogs: its bookmark contains only the administration pages of Wordpress and some more administrative utility pages (less than 10). Synced using Google account between different computers, but normally logged off Google for privacy reasons.
  3. Opera as an operating browser: reading news, surfing Twitter and Facebook and as a general bookmark archive. Just a few extensions and a privacy-careful setup but a bit less restrictive than Firefox.

As all browsers, Opera updates regularly. And browsers are one of the most critical components in a workstation: for security reasons – even if I do not agree with all those frequent updates – they must be kept up-to-date.

The problem with Opera arises with bookmarks. Opera has an excellent idea of a cloud-backend called “My Opera”, where one can set up an account and store practically everything, from history to bookmarks, from passwords to fast dial sites & so on. I used it and it was absolutely useful to keep aligned all installations across different computers.

Unfortunately, when there are other browsers installed, at least in my case it messes up bookmarks. This happened to me with every update and carried unauthorized modifications to bookmarks. That includes adding “promotional” bookmarks (e.g. Opera Home Page and some others), copying bookmarks from Firefox (without asking if and where to store imported bookmarks) and several other modifications. All this happens silently, without user authorization.

You can imagine how angry I got when I discovered that several hundreds bookmarks I stored in Firefox and mostly moved to Opera got messed: they were patiently sorted, checked for duplicates, verified and classified in nested folders. After Opera’s mess happened a dozen times, after I even tweeted it, I got tired. So I had to:

  1. Export all bookmarks out of Opera.
  2. Import them again in Firefox.
  3. Patiently check them for duplicates (Opera duplicated a lot of them). In regard of this, most recent versions of Firefox can’t use BookmarkDD extension as it appears in Firefox Addons site, but you can install the version from mozdev, which indeed works and is a great help.
  4. Redo from start the whole job of reclassify, recheck folders and reorganize them to be used in Firefox.

Here’s why I finally decided to stop using Opera. You could say “but today anybody no longer uses offline bookmarks”. That’s not my job, I don’t care. I care of my privacy and absolutely don’t want to share my private, entire bookmark list with a giant like Google. “But you did it with Opera!”. Yes, and I was not so happy, here’s why I divided bookmarks: Opera contained most of non-privacy-related bookmarks, while strictly private bookmarks were kept in Firefox and locally backed up. Anyway, Opera’s commercial interests are not even minimally comparable with Google’s commercial interests, here’s why I apparently gave up and stored them in “My Opera”.

Opera - cancellazione dati account (click per ingrandire)
Opera – account data removal (click to enlarge) 

But if every browser update means I have to check for mess in bookmarks, well, that’s enough. I’ve deleted all personal data from “My Opera” and requested the staff to delete everything, including my account (note: they still haven’t done it and if they got more late, I’ll legally take care of this. Note 2: Opera staff finally – says – has removed all my data, as per the screenshot inserted here on the right).

Now, readers, decide for yourself: if you begin using Opera – which, BTW, is a good product overall – keep in mind that you can embrace similar problems.

Til now, you have lost n. 12345678, 9 installations from my computers. This post will be updated at every uninstall, until all copies will have been uninstalled.

  1. Removed from Mac Mini (Ubuntu)
  2. Removed from Mac Mini (Mac OS-X)
  3. Removed from Athlon64-3500 (Ubuntu)
  4. Removed from Athlon64-3500 (Windows 7)
  5. Removed from Asus A1215P (Windows 7)
  6. Just reinstalled an ATOM 330 (Windows XP) and there is no Opera browser, of course
  7. Removed from Core-i5-3300 (Ubuntu)
  8. Removed from Core-i5-3300 (Windows 7)
  9. Just upgraded the PC at 6 to an Intel Core i5-3200 (Windows XP) and there is no Opera browser, of course
  10. …?

Goodbye, Opera. At least for now. You don’t care? Me too, rest assured.


Italiano (english above)

In questi giorni ho  twittato più volte che stavo disinstallando Opera, che avevo su tutti i miei computer. Ho inviato un messaggio per ogni disinstallazione, per ogni sistema operativo di ogni macchina. Ciò serviva a dimostrare non solo che c’era su tutte e su tutti i sistemi, ma anche per far vedere che effettivamente lo usavo.

Opera non è il browser più veloce del mondo, benché si comporti molto meglio di altri: guardate questo specifico test per vedere come si comporta nei diversi scenari. Non c’è modo per IE e Firefox di battere, nel complesso, la velocità di Opera e Chrome/Chromium. Giusto Safari può secondo me competere in alcune operazioni, ma è uno scenario solo Mac OSX (sotto Windows è più lento e non è disponibile sotto Linux). Dunque, la mia configurazione generalizzata pianificava di usare:

  1. Firefox come browser di uso generale, ben arricchito delle estensioni necessarie e ben impostato per la protezione della privacy. Conteneva solo bookmark “di servizio” (come pagine amministrative, servizi e qualche altro). Tutti gli altri bookmark di letture generali erano stati spostati su Opera.
  2. Chromium come front-end veloce e di piccolo impatto di sistema per editare i blog: i suoi bookmark contengono solo le pagine amministrative di Wordpress e qualche altra pagina amministrativa interna (sono meno di una decina). Sincronizzato tra macchine mediante un account Google, ma normalmente tenuto scollegato da Google per questioni di privacy.
  3. Opera come browser operativo: lettura notizie, navigazione su Twitter e Facebook e come archivio generale di bookmark. Qualche estensione e un’impostazione attenta alla privacy ma leggermente meno restrittiva di quella di Firefox.

Come tutti i browser, Opera si aggiorna regolarmente. E i browser sono uno dei componenti più critici di una stazione di lavoro: per ragioni di sicurezza – anche se non concordo con aggiornamenti così frequenti – essi devono essere tenuti aggiornati.

Il problema con Opera si presenta con i bookmark. Opera ha un’ottima idea di un backend in tecnologia cloud, chiamato “My Opera”, dove si può creare un account e memorizzare pressoché tutto, dalla cronologia ai bookmark, dalle password ai siti nel fast dial, e così via. L’ho usato ed è assolutamente utile per tenere allineato Opera tra diverse macchine.

Purtroppo, quando nel PC ci sono altri browser installati, almeno nel mio caso Opera mette in disordine i bookmark. Ciò comprende il memorizzare segnalibri “promozionali” (come la Home Page di Opera e simili), copiare i segnalibri da Firefox (senza chiedere se e dove memorizzare i segnalibri importati) e diverse altre modifiche. Tutto ciò accade silenziosamente, senza autorizzazione dell’utente.

Potete immaginare come mi sono adirato quando ho scoperto che diverse centinaia di segnalibri che avevo memorizzato in Firefox e in gran parte spostato su Opera sono stati manomessi: li avevo pazientemente messi in ordine, controllati per togliere i duplicati, verificati e classificati in cartelle nidificate. Dopo che Opera mi ha fatto questo regalino per una dozzina di volte, dopo averlo perfino twittato, mi sono stancato. Ho dovuto:

  1. Esportare tutti i bookmark da Opera.
  2. Importarli di nuovo in Firefox.
  3. Pazientemente verificare i duplicati (Opera ne ha prodotti parecchi). A questo proposito, le versioni più recenti di Firefox non possono usare l’estensione BookmarkDD così come si trova nel sito Firefox Addons, ma potete installare la versione proposta su mozdev, che invece funziona ed è un grande aiuto.
  4. Rifare daccapo l’intero lavoro di riclassificare, ricontrollare le cartelle e riorganizzarle per essere usate con Firefox.

Ecco perché alla fine ho deciso di dismettere Opera. Potreste dire “ma oggi nessuno usa più dei segnalibri offline”. Non è un mio problema, non mi interessa. Io mi curo della mia privacy e non voglio assolutamente condividere l’intero elenco dei miei segnalibri, inclusi quelli strettamente privati, con un gigante come Google. “Ma l’hai appena fatto con Opera!”. Si, e non ne ero poi così contento sotto quel profilo, per questo li avevo divisi: in Opera c’erano la maggior parte dei segnalibri non legati a fattori di privacy, mentre quelli strettamente privati li avevo tenuti in Firefox e veniva fatta una copia di sicurezza locale. Poi, gli interessi commerciali di Opera non sono neppure lontanamente comparabili con quelli di Google, per questo apparentemente mi ero “arreso” e quelli “possibili” li avevo memorizzati in “My Opera”.

Opera - cancellazione dati account (click per ingrandire)
Opera – cancellazione dati account (click per ingrandire)

Ma se a ogni aggiornamento del browser debbo mettermi a controllare le manomissioni ai segnalibri, be’, questo non mi sta bene. Ho cancellato tutti i miei dati personali da “My Opera” e ho richiesto allo staff di cancellare tutto, compreso il mio account (nota: non l’hanno ancora fatto e se tardano un altro po’, sarò costretto a denunciarli. Nota 2: lo staff di Opera, sia pure con calma, ha provveduto – dice – a rimuovere tutti i miei dati, come si evince dallo screenshot a lato che riproduce l’email che mi ha inviato).

Ora, lettori, decidete voi: se iniziate a usare Opera – che, in ogni modo, nel complesso è un buon prodotto – tenete a mente che potreste imbattervi in questo genere di problemi.

Ecco la lista delle disinstallazioni (ciascuna delle quali è stata twittata):

  1. Rimosso da Mac Mini (Ubuntu)
  2. Rimosso da Mac Mini (Mac OS-X)
  3. Rimosso da Athlon64-3500 (Ubuntu)
  4. Rimosso da Athlon64-3500 (Windows 7)
  5. Rimosso da Asus A1215P (Windows 7)
  6. Appena reinstallato un ATOM 330 (Windows XP) e Opera, ovviamente, non c’è
  7. Rimosso da Core-i5-3300 (Ubuntu)
  8. Rimosso da Core-i5-3300 (Windows 7)
  9. Appena aggiornato PC al punto 6 a un Intel Core i5-3200 (Windows XP) e, naturalmente, Opera non c’è
  10. …?

Finora, avete perso, per quanto mi riguarda, n. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 installazioni. Il post viene aggiornato a ogni disinstallazione, fino a completamento.

Addio, Opera. Almeno per ora. La cosa non vi interessa? Neanche a me interessa se vi interessa o no.

Commenti Facebook
Tag

Marco Valerio Principato

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.

Contenuti correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*