Stampa post Stampa post
Home » How To
Cambia categoria:

Categorie


Rimuovere il DRM dagli e-book: Calibre e qualche plugin

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
30 luglio 2011 - 06:00 | Commenti 19 | Link breve

C’è un libro in formato e-book che vi piace tanto ma lo vendono solo protetto con DRM, vi costringe a usare Adobe Digital Editions e voi usate Linux? Non c’è problema: si toglie il DRM


Vi siete per caso imbattuti in un e-book, un libro elettronico, che proprio vi piaceva ma non esiste altra edizione se non quella protetta con DRM, che vi costringe all’uso di Adobe Digital Editions, voi non usate né Windows, né Mac OS X bensì Linux, e magari vi piacerebbe di poter continuare la lettura sul vostro Kindle in spiaggia? Niente paura, compratevi pure il libro, vi dico subito come fare.

CD con lucchetti

CD con lucchetti

Non mi si venisse a dire che “istigo” alla pirateria, eh? Si tratta solo di avere un po’ di pazienza e quel che dico lo si trova scritto ovunque, su Internet. Per di più, da parte degli editori – e anche di Adobe – c’è un’aggravante neanche da poco: quella di ghettizzare e isolare coloro che non intendono “cedere” ai sistemi operativi commerciali. Una discriminazione gravissima, che dà per scontata la disonestà, mentre come è noto tutti sono innocenti fino a prova contraria. Si tratta, in fin dei conti, di qualcosa di analogo all’esercizio del diritto di copia privata. E la EMI, già nel 2007, diceva che la musica senza DRM vende molto meglio: questo la dice lunga. Ma è ovvio che i miei lettori sono bravi e non lo fanno perché poi vogliono abusarne: lo fanno solo perché trovano giusto leggere ciò che hanno regolarmente pagato sul device che più gli aggrada, e questo lo trovo più che giusto anch’io.

Orbene: chiunque maneggia degli e-book, prima o poi si imbatte nel programma con cui li si può gestire, leggere e convertire su PC, ossia Calibre. Esso esiste per tutti e tre i sistemi operativi (non come quei ghettizzatori di Adobe), dunque lo si può avere su qualunque computer e la procedura vale per tutti. La facilità con cui, sui blog oltreoceano, si trovano queste procedure dimostra – casomai ce ne fosse bisogno – la perfetta inutilità dell’accanirsi con la protezione, perché ci sarà sempre chi sprotegge.

Una volta installato Calibre, basta seguire le spiegazioni indicate su Apprentice Alf Blog in questa pagina. Riassumo i passaggi salienti (il link per scaricare il pacchetto è aggiornato al 5 gennaio 2013):

  1. Scaricare questo pacchetto di strumenti e scompattarlo (è un file zip).
  2. Far partire Calibre, cliccare su Preferenze. Non cliccare su “Ottieni Plugin per migliorare Calibre”: quella è la manovra per i plugin “ufficiali”. Invece, scegliere “Cambia il comportamento di Calibre”, quindi su Avanzate scegliere Plugin.
  3. Cliccare sul pulsante “Carica plugin da file”
  4. Portarsi sulla cartella dove si è scompattato il pacchetto di cui al punto 1
  5. Aprire la cartella, selezionare un plugin per volta, e cliccare su Aggiungi o Apri
  6. Ripetere per tutti i plugin in quella cartella e cliccare sempre su “Si” al messaggio di avviso che compare
  7. Ora c’è da configurare i plugin. Quale di questi richieda configurazione e di quale si ha bisogno dipende dal tipo di e-book da trattare: le descrizioni vanno lette e si deve decidere di conseguenza se configurare o meno. In ogni caso, quello per la rimozione del DRM dai file PDF non richiede configurazione.

A questo punto l’operazione diventa di una semplicità disarmante: fatto ripartire Calibre, basta prendere il file PDF protetto (che con Adobe Reader non si apre) e importarlo in Calibre esattamente come se non fosse protetto. Una volta importato, il plugin avrà già svolto il suo lavoro.

Basta andare nella cartella dove Calibre memorizza la sua libreria (di solito sotto Documenti, in tutti i sistemi), individuare il file PDF ivi memorizzato e quella è una copia perfettamente sprotetta, che potrete leggere con Adobe Reader, con il visualizzatore documenti di Linux, sul vostro Kindle, dove vi pare e piace.

Con buona pace del DRM, che si dimostra solo un metodo per far arricchire qualcuno per averlo venduto, senza aver ottenuto praticamente nulla.

Io sono sempre stato contrario alle protezioni: lasciano il tempo che trovano, da sempre. Sarebbe molto meglio vendere i propri e-book a prezzi stracciati, come ha fatto quell’autore americano di nome John Locke che non solo ne ha venduti un milione in cinque mesi, ma ci ha pure scritto un secondo libro, a “soli” 4.99 dollari.

Marco Valerio Principato (1217 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Ho appena acquistato un libro che mi interessa. Non importa quale. 9,90 euro, online su ibs.it e lo...
Non mi piace affatto che Adobe, nei suoi prodotti free, abbia inserito per default su "smarcata" la spunta...
Avete presente TweetDeck? Si tratta, anzi, per quanto mi riguarda, si trattava di quell'applicativo scritto...
Come ho già lamentato per Logitech, anche Adobe ha il viziaccio di proporre, nelle sue pagine Web,...
Venerdì 30 aprile alle 14:30 è uscita online sul New Blog Times la mia opinione sulla posizione di...



  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (Facebook)
COMMENTI (locali)

19 commenti (locali) »

  • sax ha scritto:

    Per restare in argomento, oggi 4 maggio 2012 e’ la Giornata Internazionale contro il DRM, organizzata dalla Free Software Foundation, nell’ambito della Campagna (permanente) anti-DRM “Defective By Design”:

    http://dayagainstdrm.org
    o
    http://www.defectivebydesign.org/dayagainstdrm

    http://libreplanet.org/wiki/Day_Against_DRM_2012

    Per seguire le attivita’ della Free Software Foundation:
    http://fsfe.org/it/
    http://www.gnu.org/

    Un saluto a Tutte e a Tutti

  • Andrea ha scritto:

    Io ho seguito le istruzioni, i plugin sono installati, ma quando importo un pdf con drm continua a chiedermi la password…any suggestions? O vie alternative?
    Primo impatto con gli ebook drmati e già monta l’odio per l’ottusità di certa ggente.

  • Andrea ha scritto:

    Nope, niente.
    (Ho omesso di usare Linux, forse, ma no prob, ho installato il programmino x pdf con wine)
    Il suddetto programmino non mi permette di accedere al file, quindi di eliminarne la pw…
    E cmq anche il pdf dalla cartella di MyDigitalEditions di Adobe, cioè l’originale, non quello importato da Calibre, mi chiede la pw invece di non aprirmi niente…

    • Marco V. Principato ha scritto:

      Mi sembra molto strano. Faccia una prova sotto un sistema operativo diretto, non vorrei che i plugin avessero problemi in virtualizzazione. Quando ho scritto il post, ricordo benissimo di aver “sbloccato” un Adobe Digital Editions, regolarmente acquistato, che volevo però leggere su un normale Kindle, incapace di gestirlo. L’ho fatto su un Mac e ha funzionato benissimo.

      Non saprei cos’altro pensare…
      Saluti

  • iamec ha scritto:

    Grazie Marco. Ho avuto un crash del disco fisso. Ho ripristinato un ebook che Calibre 2.2 non riusciva ad importare per problemi DRM. Ho seguito la tua procedura che ha funzionato perfettamente. Ora quel libo è nella cartella Calibre Library e riesco a leggerlo tranquillamente.
    Pensavo che salvare il download dell’originale fosse sufficente ma ho visto che è meglio salvare Calibre Library.
    Ancora grazie e saluti.

    “Una mano lava l’altra e tutt’e due lavano il viso.”

    • Marco V. Principato ha scritto:

      Felice che sia stato utile. Del resto sono sempre della stessa idea: i libri richiedono sforzi per essere scritti ed è giusto pagarli, ma ciò non toglie che il DRM è un’autentica bufala, non protegge assolutamente né autori né editori ed emargina chi vuole impiegare strumenti diversi da Windows o Mac OS X, dunque è giusto “scannarlo” in ogni modo possibile, finché non si capirà che non è la strada giusta per ottenere l’equilibrio di mercato.
      Saluti

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>