Stampa post Stampa post
Home » Evidenza, How To
Cambia categoria:

Categorie


Trust 15542 e i driver, le liti con Windows 7 e lo stack bluetooth

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
9 aprile 2012 - 06:17 | Commenti 0 | Link breve

I guai a cui si va incontro quando il bluetooth non è più quello originale Microsoft sono sempre dietro l’angolo. Mentre lo racconto, mi chiedo: possibile che a Redmond non possano far nulla per questo?


Chiavetta bluetooth Trust 15542

Chiavetta bluetooth Trust 15542

Certe volte mi chiedo perché Microsoft, con tutta la potenza ingegneristica di cui dispone, non mette a disposizione sulla Home Page del suo sito un kit software, scaricando e installando il quale, qualsiasi installazione di software bluetooth fino al momento effettuata viene rasa al suolo e viene ripristinato tutto lo stack bluetooth Microsoft originale.

Avete provato a fare qualche ricerca sul tema? Certamente si. Bene, vi sarete accorti che sotto Windows 7 il desiderio di molti è proprio questo: ripartire da zero (senza reinstallare tutto) per poi – se, e solo se davvero occorre – installare l’eventuale supporto specifico del produttore della chiavetta bluetooth o del costruttore del computer. Sembrerà strano, ma sembra come chiedere di avere la Luna: farlo davvero è pressoché impossibile.

Qualcuno ricorderà quando qualche anno fa mi sono imbattuto nella chiavetta bluetooth accompagnata da software Bluesoleil: è stato impossibile venirne fuori (sotto Windows XP: Linux la usa tranquillamente senza alcun software aggiuntivo) e l’unica soluzione fu l’acquisto di una nuova chiavetta. La Trust 15542 ci funzionava (e ci funziona ancora, se si usa Windows XP) senza problemi e, soprattutto, senza driver aggiuntivi.

Qualche giorno fa ho avuto la pessima idea di collegare una di quelle chiavette al mio computer di casa ad Anzio, un microcomputer basato su ATOM 330 (niente di che, ma funziona, per quel che serve) con piastra base Micro ITX tutta integrata, 2 GB di RAM e disco di boot Flash della WD. In pratica, là c’era la chiavetta che non funziona con Windows, la usavo solo sotto Linux. Volevo avere il bluetooth anche sotto Windows e ho pensato bene di usare quella chiavetta della Trust.

Non l’avessi mai fatto: a differenza di Windows XP, sotto Windows 7 Ultimate (originale, nota bene) la riconosceva, ma non proprio del tutto. Ovvero: veniva individuata la “radio Bluetooth generica”, veniva individuato l’ “enumeratore Bluetooth Microsoft” ma mi ritrovavo due componenti “non riconosciuti”. Sarebbe niente, il problema è che, in definitiva, il bluetooth non funzionava: pur essendoci l’iconcina in basso, inutile tentare di fare l’accoppiamento con qualsiasi cellulare o altro. Tentando di eseguire un “Ricevi file” si otteneva un errore di “parametro fornito non valido”, o qualcosa di simile. E quei due elementi non riconosciuti non trovavano alcun driver neppure su Microsoft Update.

Ho capito subito che si prospettavano numerose emicranie. Breve: la chiavetta Trust, che per Windows XP (con Service Pack installati, s’intende) non richiedeva alcun software, stando a quanto afferma lo stesso sito Trust, lo richiede. La cosa strana, per me, è che sulla pagina dei driver di quella chiavetta ci si trovano:

  • quattro diversi kit di driver, secondo il “lotto di produzione” della chiavetta, per Windows 7 a 32 bit e altrettanti per Windows 7 a 64 bit;
  • sette diverse versioni per Windows Vista a 32 bit e cinque per Vista a 64 bit;
  • sette diverse versioni per Windows XP a 32 bit;
  • un solo kit per Windows XP a 64 bit
  • due diversi kit per Windows 2000

Almeno per quanto concerne XP, non ne capisco la necessità: serviranno per chi è ancora obbligato a usare XP senza Service Pack? Può darsi. Il guaio resta su Windows 7: dato che la mia l’avevo acquistata a fine 2008, non c’era molto da scegliere, doveva trattarsi o del primo o del secondo pacchetto. Dato che  il secondo, tentato subito perché più piccolo, affermava di “non individuare alcun hardware bluetooth”, ho installato il primo.

Stack bluetooth Toshiba in funzione (click per ingrandire)

Stack bluetooth Toshiba in funzione (click per ingrandire)

Sorpresa: viene installato uno “stack bluetooth per Windows by Toshiba”. Bello e completo (vedi figura) ma… addio funzionalità native e compatibilità con tutti i software. Infatti: con quel pacchetto installato la chiavetta funziona, si dialoga con qualunque dispositivo bluetooth.

Il BlackBerry Desktop Manager non "vede" lo stack bluetooth di Toshiba (click per ingrandire)

Il BlackBerry Desktop Manager non "vede" lo stack bluetooth di Toshiba (click per ingrandire)

Peccato che non tutti i software lo riconoscono: per dirne una, mentre la PC Suite Nokia versione 7.1 lo adopera senza problemi (mi ostino a quella versione perché quelle più nuove sono “mattoni”), il Desktop Manager del BlackBerry si rifiuta (vedi immagine): secondo lui non c’è supporto bluetooth. Non è un problema, sia chiaro: tramite bluetooth, comunque, il Desktop Manager offre funzionalità limitate, per una interazione totale il BlackBerry va connesso via USB.

Purtroppo, prima di “cedere” allo stack Toshiba, ho tentato in tutti i modi di “ripulire” la situazione, senza successo. Sono persino arrivato (previa immagine del sistema) a disinstallare uno per uno tutti i “device” bluetooth, a cancellare (salvandoli) tutti i file “bth*.inf” e “bth*.PNF” presenti nella cartella C:\Windows\INF e ovunque ve ne fosse traccia. Ciò fatto, Windows 7 non sembrava più in grado di riconoscere la chiavetta. A quel punto ho impiegato Bluetooth Driver Installer, l’unico programma che “tenta” di ripristinare la situazione.

Lo ha fatto, per certi versi: non trovando più le informazioni di installazione, ha (dice) ri-scaricato lo stack bluetooth originale Microsoft e lo ha (dice) reinstallato. Rilanciato il sistema, la chiavetta veniva di nuovo riconosciuta ma, ahimé, esattamente al punto di partenza: Enumeratore Bluetooth Microsoft, Radio Bluetooth Generica e due device non riconosciuti. Ovviamente, non funzionante.

Non avendo nessunissima intenzione di radere al suolo l’intera installazione solo per il bluetooth, ho “ceduto” e ho lasciato installato lo stack bluetooth Toshiba derivante dall’impiego del kit fornito dalla Trust. Però:

  1. mi sento “parzialmente sconfitto”;
  2. mi domando: come mai Ubuntu Linux non mi ha mai, dico mai, creato alcun problema bluetooth e qualsiasi chiavetta gli “infili” la usa e basta?
Commenti Facebook
Marco Valerio Principato (1280 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

(UPDATE in calce) Mi è capitato di acquistare, un po' ad occhi chiusi, lo confesso, una chiavetta Bluetooth....
Sono certo che, là fuori, più di qualcuno ha avuto ed ha problemi con il software di gestione Bluetooth...
Oltre a fare uso io stesso della chiavetta Onda di cui ho parlato qui, ho anche ripetuto l'installazione...
Vi siete mai trovati nella necessità di replicare un'installazione di Linux che, a vostro avviso, è...
Intanto buon 2014 a chi mi legge. E per divertirci un po' a proposito di sole informatiche (sòle,...


In questo post ho parlato di:


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*