Stampa post Stampa post
Home » How To
Cambia categoria:

Categorie


Windows 7 e il suo pessimo stack Bluetooth: risolto con Toshiba

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
17 febbraio 2014 - 10:00 | Commenti 11 | Link breve

Avete problemi con il Bluetooth, capricci, si blocca il trasferimento file? Buttate alle ortiche il supporto Bluetooth Microsoft e avrete risolto. Ecco come fare.


Una comune chiavetta Bluetooth

Una comune chiavetta Bluetooth

Sono certo che, là fuori, più di qualcuno ha avuto ed ha problemi con il software di gestione Bluetooth “originale” di Microsoft sotto Windows 7. Più di qualcuno avrà rinunciato, ritenendo tale software quello che è, ossia un aborto informatico vero e proprio. E con ciò avrà anche rinunciato a impiegare il pur sempre comodo Bluetooth, non fosse altro per inviare qualcuna delle foto appena scattate con lo smartphone e vederle sul monitor del PC. Ebbene, cerca e ricerca, ho trovato la soluzione. C’è un piccolo trucco da adottare, per il quale occorre fare molta attenzione, ma si può fare.

Prima cosa: scaricarsi il Toshiba Bluetooth Stack da questo link (che è qui sul blog, così si fa prima e si evitano diecimila pagine di avvisi, cookie e altre schifezze). Scompattate sulla scrivania la cartella che contiene (v80003T_20101215_x32). Al termine aprite la cartella e

Seconda cosa: lanciate il file silent_install_for_Vista_Win7.bat (se avete Windows 7) o silent_install_for_W2000_XP.bat (se avete XP, ma quest’ultimo non l’ho provato). Se avete Seven, dovete lanciarlo eseguendolo come Amministratore, quindi non un semplice doppio click, ma click con il destro ed “esegui come amministratore”, confermando la successiva domanda.

Si aprirà una finestra “DOS” vecchio stile. Attendete con fiducia, sentirete diverse volte il tipico suono di periferica disconnessa e poi riconnessa, vedrete scomparire l’iconcina Bluetooth dal vassoio di sistema e poi ricomparire, è tutto normale.

Al termine, nella finestra “DOS” vi verrà chiesto se volete riavviare. Rispondete con un “Y” (che sta per “Yes”, si) e lasciate ripartire il computer.

Ora dovrete imparare a usare il software Bluetooth di Toshiba, meno semplice di quello Microsoft ma con una sostanziale differenza: funziona.

Terza cosa: c’è solo un piccolo problema. Si tratta di una versione di software Bluetooth che Toshiba ha distribuito in formato “valutazione”, per cui dopo 30 giorni dall’installazione inizierà a dirvi di chiedere e ottenere una licenza e di registrarla nel prodotto, cosa che non potreste mai fare – anche volendo – perché Toshiba non supporta più la versione del proprio software Bluetooth per computer che non siano Toshiba.

Ma grazie alla segnalazione dello smanettone texano “Mike”, quello sciocco messaggio si potrà eliminare e far diventare il software “permanente” e funzionante sempre.

Bisogna inserire, come spiega Mike, una nuova chiave nel registro di sistema. Poiché è una manovra pericolosa (basta un piccolo errore e non funziona più niente) ho predisposto un file ZIP che va semplicemente scaricato (da qui) e scompattato estraendo il file che contiene sulla scrivania. Al suo interno c’è infatti un file con estensione .reg che userete per aggiungere tale chiave.

Cliccatelo con il tasto destro e selezionate “Unione”, rispondendo di sì alle altre richieste di conferma. Esso inserirà, nel percorso indicato da Mike, la chiave necessaria. Ciò fatto, fate ripartire il computer (questo è importante) e il software Bluetooth Toshiba smetterà di fare domande insulse.

Ora dovete solo impratichirvi con il funzionamento di questo nuovo sistema di gestione, che però – grazie a Dio, anzi, grazie a Toshiba – funziona, senza fare storie e senza strani “dispositivi Bluetooth” in Gestione Sistema i cui driver non esistono e chissà cosa diavolo occorre di “ufficiale” per non averli. E, dulcis in fundo, non richiede che disponiate necessariamente né di una radio Bluetooth di Toshiba (USB o meno che sia), né un computer Toshiba.

Con buona pace dello stack Bluetooth Microsoft, che – a mio personale avviso – sin dai tempi di Windows XP SP2 è sempre stato un sistema mal documentato, gestito peggio, dalle funzionalità limitate ed estremamente critico.

Marco Valerio Principato

(Versione PDF di questo post)

Marco Valerio Principato (1277 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Certe volte mi chiedo perché Microsoft, con tutta la potenza ingegneristica di cui dispone, non mette...
(UPDATE in calce) Mi è capitato di acquistare, un po' ad occhi chiusi, lo confesso, una chiavetta Bluetooth....
Su, confessate: quante volte vi è accaduto che questa dispettosissima cartella (ma anche quella dei...
Da "Spie come noi, oggi con lo smartphone". Leggo: I fronti di pericolo sono due: da una parte ci sono...
In questi giorni mi sono un po' dato da fare per individuare una soluzione di browsing indipendente e,...


In questo post ho parlato di: , , ,


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (Facebook)
COMMENTI (locali)

11 commenti (locali) »

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*