Notizie

BlackBerry OS 10.3, ci saranno molte sorprese

Sono convinto che con la versione 10.3 di BlackBerry OS 10 ne vedremo delle belle. Già adesso la situazione è decisamente “sostenibile”, nel senso che uno Z10 o uno Z30 hanno ben poco da invidiare a un iPhone, anche sul piano delle App disponibili. Ma con la nuova release, che dovrebbe uscire piuttosto presto – anche se non è abitudine di BlackBerry comunicare date esatte di rilascio, entro l’anno dovrebbe esserci – cambieranno cose essenziali.

Per dirne una: le funzioni in grado di permettere alle App di terminare una chiamata telefonica e di ottenere dettagli sulla linea e sulle chiamate, funzioni, queste, importanti per quelle applicazioni (e per il sistema stesso) volte a “filtrare” in qualche maniera le chiamate stesse((Per esempio: App che impediscano la ricezione di chiamate anonime, oppure che spediscano in segreteria chiamate provenienti da determinati numeri, o rigettino le chiamate provenienti da determinati altri numeri.)) sono ormai completate e funzionanti nelle versioni di test di BlackBerry OS 10.3.

Descrizione di Call Blocker di BKU Software
Descrizione di Call Blocker di BKU Software

Esempio: App come Call Blocker di BKU Software, dove lo sviluppatore dice chiaramente «More features will come whenever BlackBerry’s API allow developers to do,  such as: block specific contact, blacklist and automatically reply», con la nuova release di BB OS 10, potranno finalmente creare fino in fondo quelle funzioni. Altre App, come il Call Blocker di Apache Softech, dichiarano di svolgerle, ma basta leggere le recensioni sul BlackBerry World Mobile per rendersi conto che molti si lamentano del mancato funzionamento. Ed è ovvio: gli sviluppatori hanno fatto del tutto per raggiungere ugualmente il risultato, ma senza il supporto del sistema operativo è impresa assai ardua.

Le sorprese non sono finite, comunque. Sono terminati i lavori per un sacco di funzioni utilissime, escluso il solo Media Editing, come risulta dalla Roadmap. Ne cito alcune:

  • BlueTooth: significherà permettere ad App e funzionalità di sfruttare il BT fino in fondo
  • Closed Captioning: gestione delle didascalie su una finestra esterna (es. durante un video proiettato su un TV tramite HDMI)
  • HDR: permetterà alle App di scattare foto in modalità HDR
  • Applicazioni HeadLess: significherà, per quelle App che debbono restare in parte attive per svolgere una funzione in background, poterlo fare senza lasciare finestre aperte e con il pieno supporto del sistema, senza “trucchi”
  • USB Host e Seriale: pur con la massima attenzione per BadUSB (che circola, purtroppo), vorrà dire poter usare la porta non solo come client, ma anche come server, ossia – per esempio – collegarci un hard disk e poterlo “vedere”

e diverse altre, tra cui alcune dedicate al Passport e, dunque, specifiche per quel tipo di hardware.

Insomma, la 10.3 non si prospetta come “il solito update con qualche funzioncina in più e correzioni di bug”: parrebbe esserci ben altro. Non resta che attendere e, francamente, non vedo l’ora, perché so che pur aggiornando non mi ritroverò, come accade con altri brand, con uno smartphone talmente lento da essere inusabile.

Marco Valerio Principato

(Versione PDF di questo post)

Commenti Facebook
Tag

Marco Valerio Principato

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.

Contenuti correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*