Stampa post Stampa post
Home » Notizie
Cambia categoria:

Categorie


Cookie Law, avete notato quest’altra «rogna»?

  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
8 agosto 2015 - 11:11 | Commenti 0 | Link breve

Sulla falsariga della famosa rubrica «c’avete fatto caso» del buon Aldo Fabrizi, vi faccio «fare caso» a un’altra chicchetta derivata dal dovere di ottemperanza alla Cookie Law.


Vi faccio far caso a un altro effetto della Cookie Law, già «rognosa» negli effetti, come ho scritto. Una volta aperta una pagina Web con sopra il famoso banner, fateci caso: su alcuni siti il cliccare “Ok” o la famosa “X” produce il ricaricamento della pagina. Un fatto che, specie da mobile, è noiosissimo.

Sento già le voci: “è vero! E perché?”. Perché la Cookie Law parla chiaro: chi fa profilazione “in proprio” – quindi grandi giornali e pubblicazioni di un certo “peso” – sono obbligati a non impiegare alcun cookie di profilazione in assenza dell’esplicito consenso, che è conferito, appunto, con quel click/tap su “Ok” o “X”.

Dunque, la pagina non può somministrare alcun cookie di quel tipo fino all’ottenimento del consenso. Una volta avuto (cioè dopo aver toccato/cliccato “Ok”) la pagina si ricarica fornendo, stavolta, anche i cookie di profilazione “propri” della pubblicazione, oltre alla masnada di altri cookie per i quali la Cookie Law non richiede il “consenso preventivo”.

Eh, si: un altro difettuccio di quella legge. Perché i cookie di profilazione “propri” non sono “peggio” di quelli di Google, Facebook e compagni. Anzi. Se mai sono meglio, perché almeno i risultati li impiega direttamente la pubblicazione. Quelli degli “altri”, invece, sono molto peggio, perché non si sa né si saprà mai quale reale impiego sarà fatto dei dati ricavati.

Diciamo che il consenso preventivo sarebbe più utile per quelli di terzi che per quelli “propri”, va.

Ma così non è. Approfittiamone: quando è possibile, evitiamo di dare il consenso toccando/cliccando “Ok” o “X”, fruibilità della pagina permettendo. In questo modo si eviterà una doppia razione di cookie profilanti.

Ok?

Commenti Facebook
Marco Valerio Principato (1280 Posts)

Informatico sin dal 1980, ha quasi sempre svolto questa attività sia nella Pubblica Amministrazione che fuori. Ora libero professionista e laureato con lode in Scienze della Comunicazione, si dedica alla donna della sua vita, ai suoi hobby e ai suoi siti.


Su argomenti simili:

Io non so se i garanti privacy di tutta Europa si rendano conto della farsa, dell'atteggiamento istrionico...
La domanda del titolo è: «Pagina iniziale del browser: a chi affidarla?». Se avete risposto «di...
Una specie di trivella: da qualche tempo a questa parte, dovunque ci sia AdSense di Google, mi ritrovo...
Sono una malalingua, lo so, non c'è niente da fare: un inguaribile sospettoso. Però mi chiedo: come...
Mr. Bush, come lo chiama il NYT, vuole a tutti i costi che la proposta passi. Le critiche non mancano:...


In questo post ho parlato di: , , , ,


  • Condividi su WhatsApp
  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su Google+
COMMENTI (locali)

Lascia un commento (locale)

Aggiungi di seguito il commento, oppure trackback dal tuo sito. Puoi anche abbonarti a questi commenti via RSS.

Sii gentile. Massimo 1 link o sarà moderato. Pulizia nel testo e rimanere in tema. Niente spam, per favore.

Puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*